Appena sento nominare un gatto, subito raddrizzo le antenne e mi scatta la curiosità

Quando poi scopro che esiste un “Paese dei gatti” e non è neanche troppo distante dal dove vivo…beh, mi metto subito in viaggio! Eccomi così a Brolo, una frazione del comune di Nonio, in provincia di Verbania, in “quel ramo del Lago d’Orta” forse poco noto.
Quando arrivi Brolo, ad essere onesti, il panorama che si presenta (almeno dalla strada forse provinciale che passa fuori dal centro abitato vero e proprio) non è proprio entusiasmante; ci sono immagini di gatti, questo bisogna riconoscerlo, anche in posti forse un po’ impensati, come i “panettoni” di cemento che delimitano le aree nel parcheggio delle auto, ma non mi scoraggio…vedo una stradina in salita che sembra portare verso panorami decisamente più interessanti e decido di seguire quella direzione.

La curiosità è ripagata quando si raggiunge il centro del paesino, dove ti accoglie un antico lavatoio che già riporta immagini feline; la casa accanto non è da meno, infatti sotto il numero civico compare già una formella con una famigliola “miciosa”.
Proseguo il mio mini viaggio alla scoperta di altre forme “gattose”…

Brolo soddisfa la mia curiosità!

Ogni angolo di questo piccolo centro è “gattoso”, anche se quando sono passata io i felini in carne e pelo si sono un po’ nascosti alla vista, lasciando spazio ai loro “alter ego” dipinti sui muri, ricreati a forma di mosaico sulla pavimentazione stradale, rappresentati negli oggetti di uso quotidiano, come una cassetta per la posta. Mi prendo anche un po’ di tempo per capire come mai questo paesino è così famoso per questo animale, e scopro che la storia e la leggenda sembrano essere una cosa sola, tanto che non si capisce dove finisce la realtà e inizia la fantasia… Brolo però non è solo “gatti”, è anche architettura e scorci panoramici sul lago sottostante…proseguo verso la parte “alta” del paese, dove c’è la chiesa parrocchiale circondata dai fiori. Sono arrivata alla sommità del paese, è tempo di scendere nuovamente verso valle…ma per una strada diversa, dove altre immagini feline mi aspettano!

Un passo dopo l’altro sono di nuovo sulla strada principale, la mia gita fuori porta si conclude con la foto di rito accanto al monumento simbolo di questo animale così misterioso e così “domestico”…quando vuole lui…
Non mi resta che lanciare un ultimo sguardo al panorama di Brolo che si vede dal basso, magari ancora alla ricerca di qualche esemplare reale di felino…non sono fortunata, sono tutti nascosti, forse per paura di troppe coccole :O)

Articolo scitto da Elena Garino 

Autore dell'articolo