Se di recente vi è capitato di passeggiare per le strade di Torino, avrete sicuramente notato i banner pubblicitari di colore rosa che, con la scritta “Il Giro d’Italia (ri)parte da Torino”, hanno preannunciato un evento tanto atteso.

LA GRANDE RIPARTENZA DA TORINO


L’8 maggio la 104esima edizione del seguitissimo Giro d’Italia inizierà proprio nella città della Mole Antonelliana.

Il primo dei 184 corridori che compongono le 23 squadre partirà alle 14 da Piazza Castello, per poi proseguire su Corso San Maurizio e passare sul Lungo Po entrando nel Parco del Valentino.

In prossimità del Borgo Medioevale ci sarà il primo rilevamento cronometrico, dopodiché i partecipanti attraverseranno il Po in corrispondenza del Ponte Isabella e, una volta raggiunta Piazza Zara, percorreranno Corso Moncalieri per raggiungere il traguardo, collocato nei pressi della Gran Madre.

Questa tappa di 8,6 km – su un totale di 3 479,9 km – non è l’unica piemontese, infatti 5 tra le 21 tappe complessive si svolgono sul territorio della nostra regione. Dopo la prima, seguirà il tragitto di 179 km che porta da Stupinigi (Nichelino) a Novara; la terza tappa invece partirà da Biella e dopo 190 km terminerà a Canale; verso la fine del Giro, la 19esima tappa troverà la sua fine con l’arrivo in Valsesia sull’Alpe di Mera e il giorno successivo la 20esima tappa comincerà da Verbania.

INFORMAZIONI PRATICHE


Può essere utile sapere che la circolazione e la sosta, nel tratto di strada su cui avrà luogo la competizione, saranno proibite dalle ore 8 alle ore 20 durante tutta la giornata dell’8 maggio. I mezzi pubblici che solitamente effettuano i propri percorsi nelle zone interessate subiranno delle deviazioni.
Inoltre, non è prevista la presenza del pubblico, ma viene tollerata solo se gli spettatori assumeranno comportamenti corretti, evitando assembramenti, mantenendo le distanze e indossando le mascherine vista la situazione pandemica vigente.
Si tratta di un evento sportivo che avrà una vasta risonanza, attirerà non solo gli appassionati, ma anche tutti coloro che vorranno vivere un momento di socialità. Proprio per questo motivo, il Presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, si è appellato alla responsabilità e al buon senso delle persone, invitando tutti a godersi questa gara rispettando le regole.

TUTTE LE VOLTE DI TORINO

Torino è stata spesso protagonista del Giro d’Italia, con una presenza di 48 volte su 103 edizioni, senza contare quella attuale. Precisamente la città è stata sede doppia 34 volte, rappresentando quindi l’arrivo di una tappa e la partenza di quella successiva; nelle altre 14 occasioni si è trattato principalmente di solo partenze o solo arrivi, ripartenze e crono.
Il primo Giro d’Italia che ha toccato Torino è stato quello del 1909, con la tappa finale Torino-Milano. L’ultima edizione, invece, che ha avuto come luogo d’inizio la medesima città è stata quella del 2011.

ALTRE TAPPE


Oltre al Piemonte, le altre regioni italiane che ospiteranno il Giro d’Italia sono la Lombardia, il Veneto, il Trentino, il Friuli-Venezia-Giulia, l’Emilia-Romagna, la Toscana, le Marche, l’Umbria, il Lazio, il Molise, l’Abruzzo e la Puglia.
Di seguito troverete tutte le tappe del 2021:

  1. Torino – Torino (8,6 km, cronometro)
  2. Stupinigi (Nichelino) – Novara (179 km)
  3. Biella – Canale (190 km)
  4. Piacenza – Sestola (187 km)
  5. Modena – Cattolica (177 km)
  6. Grotte di Frasassi – Ascoli Piceno (160 km)
  7. Notaresco – Termoli (181 km)
  8. Foggia – Guardia Sanframondi (170 km)
  9. Castel di Sangro – Campo Felice (158 km)
  10. L’Aquila – Foligno (139 km)
  11. Perugia – Montalcino (162 km)
  12. Siena – Bagno di Romagna (212 km)
  13. Ravenna – Verona (198 km)
  14. Cittadella – Monte Zoncolan (205 km)
  15. Grado – Gorizia (147 km)
  16. Sacile – Cortina d’Ampezzo (212 km)
  17. Canazei – Sega di Ala (193 km)
  18. Rovereto – Stradella (231 km)
  19. Abbiategrasso – Alpe di Mera (176 km)
  20. Verbania – Valle Spluga – Alpe Motta (164 km)
  21. Senago – Milano (30,3 km, cronometro).

 

Autore dell'articolo