Tra pochi giorni inizierà il Festival di Sanremo, la più importante manifestazione canora e musicale italiana. Un palcoscenico importantissimo che cantanti e cantautori piemontesi hanno calcato sin dalla prima edizione, nel 1951, che si tenne nel Salone delle Feste del Casinò di Sanremo.

Per alcuni cantanti piemontesi, il Festival di Sanremo è stato un vero trampolino di lancio verso una carriera artistica davvero sfolgorante, mentre per altri è stata un’esperienza entusiasmante, ma di breve durata.

Fino ad oggi sono circa cinquanta i cantanti, i cantautori, i musicisti e i gruppi che hanno partecipato al Festival e in questo articolo ve ne vogliamo ricordare alcuni tra i più interessanti in oltre settanta edizioni di questa prestigiosa manifestazione.

I cantanti piemontesi con più partecipazioni al Festival di Sanremo

In assoluto, la cantante piemontese con più partecipazioni al Festival di Sanremo, ben otto consecutive dal 1956 al 1963, è Tonina Torrielli, originaria di Serravalle Scrivia e a lungo considerata una delle più accanite “rivali” di Nilla Pizzi.

Il suo brano di maggior successo, che ottenne il secondo posto nella classifica sanremese nell’edizione del 1956, fu Amami se vuoi con cui, nello stesso anno, partecipò anche all’Eurofestival, al Festival di Napoli e al Festival di Assisi. La sua carriera canora terminò nel 1965, quando con il marito aprì a Torino un negozio di dischi e strumenti musicali in Piazza Castello, chiuso nel 2003 dopo quasi quarant’anni d’attività.

Se Tonina Torrielli può vantare un record di presenze al Festival di Sanremo, le prime cantanti piemontesi a partecipare alla kermesse, proprio nell’edizione del 1951, furono il Duo Fasano, formato dalle gemelle torinesi Dina e Delfina Fasano, le quali tornarono ancora ad esibirsi nel 1952, nel 1954, nel 1957 e nel 1958. Il loro successo fu tale che, nel 1957, in coppia con Vittoria Mongardi, vinsero il Festival della Canzone Italiana di Toronto con la celeberrima Casetta in Canadà. Vissero per lungo tempo all’estero e, quando tornarono a Torino, collaborarono con Paolo Conte e Renzo Arbore. Chiusero la loro lunghissima carriera nel 1988, dopo che vennero premiate dal Presidente della Repubblica Cossiga come Benemerite della Cultura Musicale e Canora Italiana.

I cantanti piemontesi più famosi che si sono esibiti sul palco di Sanremo

Molti artisti e cantanti piemontesi devono la loro fama o il rilancio della propria carriera al Festival della Canzone Italiana.

Quando Renato Rascel (nato a Torino) partecipò al Festival di Sanremo, nel 1960 e nel 1961, era nel pieno della sua brillante carriera artistica. Nell’edizione del 1960, vinse il primo premio con la canzone Romantica, in coppia con Tony Dallara, che la porterà al successo e con cui parteciperà all’Eurovision Song Contest di quell’anno, raggiungendo l’ottavo posto. L’anno successivo, si esibì nuovamente a Sanremo in coppia con Johnny Dorelli, cantando il brano Nun chiagnere.

Luigi Tenco, originario di Cassine, un paese in provincia di Alessandria, è uno dei più importanti cantautori italiani di tutti i tempi e partecipò al Festival di Sanremo solo nel 1967 con la canzone Ciao amore ciao, in coppia con Dalida. La sua morte, avvenuta mentre era in corso la manifestazione, segnò profondamente il panorama musicale italiano di quegli anni, portando alla nascita del Club Tenco, che ancora oggi difende la memoria dell’artista alessandrino e della canzone d’autore italiana.

Nel 1969, fece la sua prima comparsa sul palco del Festival di Sanremo, l’amatissima Rita Pavone (nata a Torino) con Zucchero, con cui si classificò al tredicesimo posto. Tornò ad esibirsi nel 1970 e nel 1972 senza ottenere il successo sperato e come ospite nel 1976 e nel 2005, quando, in compagnia di Toto Cutugno e Annalisa Minetti cantò il brano Come noi nessuno al mondo, che si piazzò al secondo posto dopo Angelo di Francesco Renga. L’ultima partecipazione di Rita Pavone al Festival di Sanremo è stata nel 2020 con il brano Niente (Resilienza 74), composto dal figlio Giorgio Merk.

Tra il 1987 e il 2005, Umberto Tozzi (nato anche lui a Torino), uno dei cantanti italiani che hanno venduto più dischi al mondo, partecipò a quattro edizioni, vincendo il primo premio con la famosissima Si può fare di più, insieme a Gianni Morandi ed Enrico Ruggeri. Il brano sbaragliò tutte le classifiche di vendita in tutto il mondo e venne scelto come inno della Nazionale Italiana Cantanti. Nel 1991, Tozzi tornò al Festival di Sanremo con Gli altri siamo noi, nel 2000 con Un’altra vita e, l’ultima volta, nel 2005 con la canzone Le parole.

Chi è stato adolescente negli anni Ottanta, non può non ricordare I Righeira, uno dei gruppi musicali di maggiore successo di quel periodo. Il duo, formato dai torinesi Johnson e Michael Righeira, pseudonimo di Stefano Righi e Stefano Rota, anche loro torinesi, si esibì una sola volta sul palco del Festival di Sanremo, nel 1986, con la canzone Innamoratissimo (tu che fai battere forte il mio cuore), che ottenne il quindicesimo posto.

Se c’è un cantante, scrittore e attore piemontese che tutti amano ricordare, sicuramente Giorgio Faletti (nato ad Asti) occupa un posto speciale nel cuore di molte persone. Dopo essere diventato uno dei comici di punta del panorama italiano, tra il 1992 e il 1995, l’attore astigiano partecipò per tre volte al Festival di Sanremo. La prima volta si cimentò in un duetto con Orietta Berti con la canzone Rumba di Tango, ma il vero successo lo raggiunse con la bellissima canzone Signor tenente, ispirata alle stragi mafiose in cui persero la vita i giudici Falcone e Borsellino. La sua ultima apparizione sanremese fu nel 1995, durante la quale cantò L’assurdo mestiere, per cui ricevette il prestigioso Premio Rino Gaetano.

Nello stesso anno in cui Faletti partecipò per la prima volta al Festival di Sanremo, il gruppo torinese degli Statuto venne selezionato nella categoria Nuove Proposte e si classificò nono con il brano Abbiamo vinto il Festival di Sanremo, una canzone che ironizza sullo scenario musicale di quegli anni e sul fantomatico risultato, che avrebbe prodotto la loro vittoria al Festival di Sanremo.

Dopo aver ottenuto un grande successo internazionale, anche i piemontesi Eiffel 65 (composti dal torinese Gabry Ponte, l’astigiano Maurizio “Maury” Lobina e il siculo Jeffrey Jey) approdarono a Sanremo con il singolo Quelli che non hanno età, che venne molto criticato dal pubblico e dagli esperti, perché si riteneva che non rispecchiasse lo stile del gruppo, legato alla musica elettronica e dance. Il risultato fu davvero deludente, ma le vendite ripagarono gli Eiffel 65 con un enorme successo, che durò per diversi mesi.

Nel 2000, i Subsonica, che si erano formati nel 1996 a Torino, ottennero l’undicesimo posto con la canzone Tutti i miei sbagli, probabilmente il loro brano di maggior successo e per cui verranno premiati agli MTV Europe Music Award di Stoccolma come miglior artista italiano e al Premio Italiano della Musica nelle categorie “Miglior disco” e “Miglior gruppo”.

Qualche anno dopo, anche il mondo del rap torinese trovò il suo spazio al Festival di Sanremo, con l’esibizione del cantante Frankie Hi-nrg mc, che si presentò con il singolo Rivoluzione, in cui compare un breve campionamento di un brano di Fabrizio De Andrè. Dopo varie collaborazioni con Simone Cristicchi, Nathalie, Raf e Fiorella Mannoia, nel 2014 Frankie Hi-nrg mc tornò a Sanremo con i brani Un uomo è vivo e Pedala, che si classificò all’ottavo posto.

Il rock alternativo italiano è sicuramente di casa in Piemonte e i Marlene Kunzt sono uno dei gruppi più apprezzati, non solo a livello nazionale. Si sono formati a metà degli anni Novanta in provincia di Cuneo, utilizzando sonorità nuove, che però mantengono una profonda radice nella canzone d’autore italiana. Durante la 62° edizione del Festival di Sanremo, nel 2012, la loro Canzone per un figlio viene eliminata nella seconda serata, ma recuperarono la loro partecipazione alla manifestazione dopo aver duettato con Patti Smith e vinsero il Premio della Stampa, anche se vennero definitivamente estromessi dalla classifica finale nell’ultima serata.

Gli Eugenio in Via di Gioia sono un gruppo di artisti di strada, nati dalla tradizione delle balere e della musica folk a Torino. Dopo aver superato le selezioni per Sanremo Giovani nel 2019, riescono a partecipare al Festival di Sanremo 2020, ma la loro canzone viene eliminata già nella prima serata, anche se riusciranno ad ottenere il Premio per la critica “Mia Martini”.

Nel 2021, fa la sua comparsa al Festival di Sanremo, il giovane Willie Peyote (nato a Torino), uno degli artisti piemontesi più promettenti a livello nazionale. Il singolo Mai dire mai (la locura) con cui ha preso parte al Festival di Sanremo si classifica al sesto posto e vince il Premio della Critica nell’ultima serata dell’edizione 2021.

I gruppi piemontesi che hanno partecipato al Festival di Sanremo

Sin dalle primissime edizioni, i gruppi piemontesi sono sempre stati presenti alla kermesse, portando alla ribalta i più diversi generi musicali, dalle melodie degli anni Cinquanta al rap più contemporaneo.

Il primo gruppo piemontese a calcare il palcoscenico del Festival di Sanremo è stato il Quartetto Stars, formato da quattro giovani cantanti torinesi, guidate dal Maestro Carlo Prato, che le fece debuttare nelle prime trasmissioni radiofoniche della RAI. Nell’edizione del 1953, il quartetto si presentò con cinque brani e ottenne un ottimo secondo posto con la canzone Campanaro, interpretata con Teddy Reno. Poco dopo la partecipazione al Festival di Sanremo, il quartetto si sciolse e le componenti intrapresero carriere lavorative differenti.

Il gruppo vocale Poker di Voci, nato a Torino nel 1953, era invece formato da quattro uomini, i quali ebbero una sfavillante carriera e la possibilità di collaborare con nomi importanti della canzone italiana di quell’epoca, tra cui Gino Latilla, Natalino Otto e Fred Buscaglione. Parteciparono al Festival di Sanremo nel 1957 con due canzoni che sono entrate nella storia della musica italiana: La Casetta in Canadà e Il Pericolo Numero Uno.

Nell’edizione successiva, si esibì il Trio Joyce, un terzetto vocale femminile, composto da tre sorelle torinesi, che già collaboravano nel teatro di rivista di Erminio Macario. Si presentarono al Festival di Sanremo con due brani, Fragole e cappellini e I trulli di Alberobello, cantati con Aurelio Fierro, e Nozze d’oro, che però  non venne mai pubblicato. Dopo diverse tournée internazionali, il trio si sciolse nel 1961.

Nei primi anni Settanta, i gruppi piemontesi tornarono ad esibirsi al Festival di Sanremo con nuove sonorità e sperimentazioni musicali. I Domodossola, che prendevano il nome dalla città natale dei componenti del gruppo in provincia di Verbanio Cusio Ossola, sono ancora oggi considerati uno dei migliori gruppi vocali di quegli anni, grazie a un brano cantato con Rosanna Fratello nel 1970, Ciao anni verdi, e alla canzone Se hai paura del 1974 con cui parteciparono anche a Un disco per l’estate, a una tournée con Gino Bramieri e a diverse trasmissioni televisive.



Gli Aeroplanitaliani nacquero a Vercelli tra la metà degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta, con l’obiettivo di creare nuove sinergie tra il rap e la canzone pop italiana. Al primo nucleo della band si unirono anche alcuni musicisti bolognesi, provenienti dall’ambito dance, rock e jazz. Il gruppo si presentò al Festival di Sanremo nel 1992 e tuttora viene principalmente ricordato per i 25 secondi di silenzio, che caratterizzano il brano Zitti zitti (Il silenzio è d’oro) con cui vinsero il Premio della Critica di quell’edizione. Dopo l’apparizione a Sanremo, i componenti del gruppo intrapresero carriere artistiche differenti per poi ritrovarsi in questi ultimi anni per pubblicare alcuni nuovi album di discreto successo.

Il gruppo punk rock torinese Melody Fall si presentò al Festival di Sanremo nel 2008 con il brano Ascoltami ma senza riuscire a entrare nella classifica finale dei Giovani. Oltre all’Italia, la band è particolarmente apprezzata in Giappone, dove da anni si esibisce e distribuisce i propri album con molta soddisfazione.

A Rivoli, nel 1988, nascono i Perturbazione, un gruppo pop rock italiano originario di Rivoli decisamente ben inserito e promettente nel panorama musicale nazionale. Dopo molte collaborazioni con alcuni dei più importanti musicisti italiani, tra cui Max Pezzali, nel 2014 il gruppo presenta al Festival di Sanremo due brani, L’Italia vista dal bar e L’unica, che resta in gara fino all’ultima votazione e vince il Premio Sala Stampa con un ottimo sesto posto nella classifica finale.

Cantanti piemontesi molto promettenti al Festival di Sanremo

Sul palcoscenico del Festival di Sanremo sono passate generazioni di cantanti, musicisti e cantautori piemontesi, ma non tutti sono riusciti ad ottenere una fama duratura e, a volte la loro carriera si è interrotta o è continuata in sordina.

A partire dal 2017, si sta facendo avanti una nuova generazione di cantanti piemontesi davvero interessante e sicuramente promettente, destinata ad occupare le prime posizioni delle hit parade nazionali e internazionali.

Nel 2017, il rapper Raige di Alpignano, componente del gruppo OneMic, fondato insieme al fratello minore Ensi e all’amico Rayden, si presenta al Festival di Sanremo con il brano Togliamoci la voglia, inciso con Giulia Luzi, che parla dell’ansia di vivere e della necessità di apprezzare le piccole cose per migliorare la qualità della vita.

L’amore struggente e infelice è invece il tema alla base del brano Senza farlo apposta con cui il rapper torinese Shade si presenta al Festival di Sanremo nel 2019, accompagnato dalla splendida voce di Federica Carta.

L’edizione dello scorso anno, 2022, ha visto il trionfo del cunese Matteo Romano che, oltre ad aver raggiunto il terzo posto nella classifica di Sanremo Giovani 2021, è riuscito a raggiungere l’undicesima posizione al Festival di Sanremo con il brano Virale, scritto insieme a Dardust, Alessandro La Cava e Federico Rossi.

Tra i protagonisti dell’edizione 2023, spicca sicuramente l’eccentrica figura di Rosa Chemical (di Rivoli), già ospite della serata duetti con Tananai, e che quest’anno si presenta in gara con un proprio brano del tutto inedito.

In questo articolo non abbiamo potuto citare tutti i cantanti piemontesi che in oltre settanta edizioni si sono succeduti sul palco del Festival di Sanremo, ma se conosci le loro storie e vuoi raccontarcele, crea un post sui nostri canali social. Sarà interessante scoprire storie, vicende e segreti di tanti protagonisti piemontesi della più importante manifestazione canora italiana.

Ti aspettiamo su Gite Fuori Porta in Piemonte!



Potrebbe interessarti

XXVIII Torino Comics dal 12 al 14 aprile a Lingotto Fiere – Il programma completo

Dal 12 al 14 aprile torna a Lingotto Fiere Torino Comics. L’evento, organizzato da GL events Italia in joint venture con Just for fun, nel 2024 festeggia 30 anni di vita e continua a richiamare ogni anno nel capoluogo piemontese decine di migliaia di appassionati di fumetto, manga, anime, cinema, games, esport, videogames e naturalmente […]

Tutti gli appuntamenti del weekend: cosa fare in Piemonte dal 12 al 14 aprile

Scopri cosa riserva questo weekend in Piemonte: un ricco calendario di eventi e appuntamenti dal 12 al 14 aprile 2024 ti attende! Anche se la primavera sembra nascondersi dietro qualche nuvola in questo inizio di aprile, non mancano le occasioni per godersi una gita fuori porta in Piemonte! Questo secondo fine settimana del mese offre […]

Una domenica alla scoperta delle bellezze della nostra città: Torino

Una domenica mattina, il sole si sta facendo largo fra le nuvole dopo un violento acquazzone. Pozzanghere, foglie gialle e bagnate in terra che rammentano l'appropinquarsi dell'autunno, l'aria frizzante ma che presagisce un aumento della temperatura e una Torino sonnolenta che si sta svegliando. Noi che camminiamo veloci per raggiungere piazza Castello, anzi piazza s. [...]

I grissini torinesi: un’invenzione che ha fatto la storia della cucina piemontese

Cosa c’è di più fragrante e stuzzicante di un grissino torinese? Una tentazione irresistibile, quando ci si siede al tavolo di un ristorante e lo si trova già lì, pronto per riempire quel piccolo languorino prima ancora che arrivino gli antipasti. L’origine di questo delizioso bastoncino di pane è strettamente legata alle nostre tradizioni e, [...]