Volpedo uno dei borghi più belli d’Italia

Conoscete tutti il “Quarto Stato” di Giuseppe Pellizza? Immaginiamo di sì, perché l’opera del 1901, che rappresenta le rivendicazioni dei lavoratori di fine Ottocento, è celebre in Italia e nel resto del mondo.

Questo dipinto ha reso famoso anche il paese natale di Pellizza, Volpedo, che si trova in provincia di Alessandria, su una collina vicino agli estremi della Val Curone.

Scopriamo le meraviglie di una gita fuori porta in Piemonte, andando a scoprire e visitare Volpedo uno dei borghi più belli in Italia e dei Borghi Sostenibili del Piemonte.

Il borgo di Volpedo, per nulla appariscente dal punto di vista architettonico, ha un aspetto poco ordinato e poco compatto, a causa della scarsa attenzione dedicatagli in passato perché considerato solo per la sua chiara vocazione agricola.

Anche il nome attesta la sua impronta, infatti deriva da “vicus pecudis” cioè villaggio degli armenti.

Gli abitanti, consapevoli di essere la patria di uno dei più grandi pittori della penisola italiana, hanno suggerito con le loro richieste all’amministrazione comunale di valorizzare il paese. Sono state quindi recuperate le memorie legate alla storia, al paesaggio e all’arte perché Volpedo sarà anche un borgo poco appariscente, ma è testimone delle bellezze di derivazione medievale, rinascimentale e barocca.

Pelizza da Volpedo e i luoghi pellizziani

Nell’itinerario turistico sono comprese varie tappe, fra cui i luoghi pellizziani.

Uno di questi è la Casa-Studio di Pellizza che si trova nella periferia del paese ed è la casa in cui nacque il pittore, il quale dopo la sua formazione in giro per l’Italia decise di ritornarvi e di far costruire lì vicino il suo studio. Durante la visita, avrete modo di vedere un raro atelier ottocentesco e tutti gli strumenti di lavoro, i libri e alcune opere rilevanti.

Grazie per avermi accettato , sono di Alessandria. Ecco Alcune foto di Volpedo , la casa Natale di Pelizza da Volpedo e la Pieve romanica di San Pietro,

📷  G. Orsi (Dal Gruppo Facebook Gite fuori porta in Piemonte)

Un altro luogo è il Museo Didattico Pellizza da Volpedo dedicato alle vicende umane e artistiche del pittore, rappresentate con immagini, documenti, pannelli esplicativi e oggetti suddivisi in varie sezioni. Oltre alla sua biografia viene raffigurato il suo percorso pittorico che spazia dal realismo al simbolismo. Una sezione è dedicata alla celebre opera d’arte, “Quarto Stato”, di cui vengono spiegati i passaggi e le tecniche di creazione impiegate da Pellizza.
Tra le vie del Comune di Volpedo sono state esposte delle riproduzioni delle sue opere nei posti che lo hanno ispirato così da poter fare un confronto con gli scorci reali, ad esempio il fienile che ispirò il quadro “Sul fienile” del 1893.
Piazza Quarto Stato è la più richiesta dai turisti e ha mantenuto le dimensioni originarie grazie a dei lavori di restaurazione; se volete immaginare la scena dipinta dall’artista, posizionatevi vicino al lampione e avrete la visuale della piazza rappresentata.

📷  R. Dabbono (Dal Gruppo Facebook Gite fuori porta in Piemonte)

Volpedo tra arte e natura

Per i veri appassionati di arte e natura, c’è un percorso che si sviluppa per 5 km ad anello ed è conosciuto come il Sentiero della Montà di Bogino, che Pellizza immortalò nel suo omonimo quadro.

Non solo gli spazi dedicati alla memoria di Pellizza sono meritevoli di visita, ma anche alcuni edifici che raccontano la storia di questo borgo passato inosservato per molto tempo. Il più antico e più importante monumento del borgo è la Pieve Romanica di San Pietro, costruita nel X secolo con le pietre del vicino torrente Curone e con i mattoni. L’interno di questa piccola chiesa è decorata con affreschi in stile gotico dei fratelli Boxilio; importante è quello che raffigura il Cristo Pantocratore attorniato dai simboli degli evangelisti.

Ieri, partiti al mattino Vs le 10 e tornati alle 18 a casa(vicino Ovada). Una piacevole gita alla scoperta dei colli tortonesi e di alcuni borghi:
Carezzano, Volpedo e San Sebastiano Curone.
Un percorso ad anello con salita a Villavernia o Tortona, e nel ns caso discesa Vs la valle Borbera attraverso una stradina stretta con un panorama mozzafiato.

📷  R. Dabbono (Dal Gruppo Facebook Gite fuori porta in Piemonte)

In Piazza della Libertà c’è un palazzo ottocentesco che è la sede del comune, in cui è presente un basso rilievo marmoreo che rappresenta la donazione di Perino Cameri del Castello di Volpedo alla Madonna.

È interessante notare come le case presenti in via Torraglio abbiano mantenuto l’aspetto originario, particolare per i suoi ciottoli di fiume che costituiscono le facciate.
Un altro punto suggestivo da vedere relativo al borgo antico sono le Mura Spagnole, un tratto di mura il cui nome deriva dal fatto che la loro ricostruzione avvenne durante il periodo in cui Volpedo era parte dell’Impero Spagnolo perché sotto il Ducato di Milano.

Non perdetevi le fragole e le pesche di Volpedo!

Come abbiamo detto all’inizio, Volpedo è un borgo rurale e dal faticoso lavoro dei suoi abitanti derivano molti prodotti di prima qualità.

Questo affascinante paese è famoso per le fragole e le pesche.

La fragola coltivata nei terreni locali è diventata così importante che ogni anno a maggio viene organizzata una festa che comprende la fiera, dove si può acquistare il prodotto e i suoi derivati, e la gara delle torte di fragole.

La produzione delle pesche di Volpedo, a polpa gialla e particolarmente dolci, è stata una vera e propria rivoluzione per la resa agricola del borgo, perché fino alla fine del XIX secolo si coltivavano cereali, ma un basso rendimento per il terreno ghiaioso ha comportato un cambio di rotta e i contadini iniziarono a impiantare i peschi. Il periodo di raccolta del frutto inizia a metà giugno e si conclude i primi giorni di settembre, quindi se passate in estate per il borgo, dovete assolutamente assaggiare queste pesche dal sapore inconfondibile; se passate in altri momenti dell’anno comprate le confetture, ne rimarrete soddisfatti senza ombra di dubbio.

Adesso che avete qualche informazione in più su Volpedo, prendete l’agenda e segnatevi la data in cui andare alla scoperta di questo borgo!

Foto di R. Dabbono e G. Orsi dalla Community Facebook di Gite fuori porta in Piemonte

Caratteristiche

  • Collina
  • Interesse paesaggistico e naturalistico
  • Interesse storico, artistico e culturale
  • Itinerari a piedi
  • Itinerari enogastronomici
  • Itinerari in bici
  • Itinerari in moto
  • Turismo sostenibile